Pages Navigation Menu

your event, taylor made

Miss Italia 2017, una produzione imponente firmata Gruppo Eventi

Share Button

Dal Pala Arrex per la finale di Miss Italia 2017, ideata e organizzata da Patrizia Mirigliani, con la produzione di Vincenzo Russolillo e condotta da Francesco Facchinetti, trasmessa il 9 settembre su La7.

Un imponente e spettacolare palcoscenico allestito con 700 mq di led per la parte video e circa 900 punti luce tra teste mobili e luci bianche per il lighting ha ospitato le 30 ragazze selezionate per la finale. La giovane trentina Alice Rachele Arlanch è stata incoronata la ragazza più bella d’Italia per l’edizione 2017 tra gli straordinari giochi di luce disegnati da Ivan Perri e la sapiente direzione della fotografia televisiva di Massimiliano Fusco. Lo straordinario impianto scenotecnico curato dallo scenografo Mario Carlo Garrambone è stato realizzato  sviluppando fantastiche ambientazioni scenografiche in computer grafica.

Miss Italia, insieme a Sanremo, rappresenta uno degli appuntamenti televisivi che fanno parte della storia d’Italia. E questa edizione 2017 conferma l’importanza del concorso di bellezza che dal 1946 ogni anno elegge la ragazza più bella d’Italia, tra le sue concorrenti, che poi diventeranno tra i volti famosi nel mondo dello spettacolo.

Miss Italia quest’anno ha rilanciato l’immagine del concorso con nuovi format più popolari e vicini al pubblico dei social, ed oltre all’impegno etico e alla tutela dell’immagine della donna ha anche rivolto un’attenzione particolare all’impianto scenotecnico scelto per la trasmissione televisiva che conferma l’importanza e il know-how messo a disposizione dai tecnici e dal service di alto profilo .

La conduzione rigorosa del concorso, che mette al primo posto la correttezza, il rispetto delle regole, l’etica; la tutela della donna e della sua dignità; la difesa della tradizione e, di pari passo, il suo ammodernamento, anche tecnologico: così – sotto la guida di Patrizia Mirigliani – Miss Italia, giunta alla 78ma edizione, si presenta con la sua storia e la sua intatta popolarità. Il Concorso, creato da Dino Villani, condotto per quasi mezzo secolo da Enzo Mirigliani, racconta l’evolversi del costume del nostro Paese, rimanendo l’appuntamento delle famiglie italiane, con circa diecimila partecipanti, 500 selezioni, dai piccoli borghi alle piazze delle grandi città. E, nella fase finale, con le serate televisive de La7” – come conferma la produzione della manifestazione fin dall’inizio della manifestazione.